STORIE LIBERATE in Edicola

STORIE LIBERATE E' IN EDICOLA.IL LAVORO COMPRENDE 2 CD (Storie liberate e Istorias) E 2 OMONIMI VOLUMI DI APPROFONDIMENTO FIRMATI DA VITTORIO GAZALE (Carlo Delfino Editore)

CIASCUN CD E CIASCUN VOLUME SARANNO IN EDICOLA OGNI MARTEDI CON LA NUOVA SARDEGNA A USCITE ALTERNATE E RIMARRANNO IN EDICOLA UNA SETTIMANA

IN TUTTO SONO 4 USCITE

IL PRIMO CD "STORIE LIBERATE"  E' USCITO IL 27 NOVEMBRE (Se qualcuno lo avesse perso,  puo' richiederlo al suo edicolante di fiducia )

IL VOLUME di approfondimento"STORIE LIBERATE" ESCE MARTEDI' 4 DICEMBRE 

IL SECONDO CD "ISTORIAS" ESCE MARTEDI'11 DICEMBRE

IL VOLUME di approfondimento "ISTORIAS" ESCE MARTEDI' 18 DICEMBRE

DESCRIZIONE

 

Storie liberate è un progetto  artistico-letterario di ampio respiro  che  trae origine  ed ispirazione  da un importante recupero di documenti inediti rinvenuti recentemente negli archivi delle Amministrazioni penitenziarie della Sardegna.

Il lavoro comprende due Cd con 17 mie  canzoni inedite   e due Volumi che ne raccontano la genesi  firmati da Vittorio Gazale

Nel Cd e nel Volume Storie liberate  sono comprese le canzoni in lingua italiana, mentre nel Cd e nel Volume Istorias quelle in lingua sarda.

Il percorso di ricerca abbraccia un lungo arco di tempo, dal 1860 ad oggi, all’interno del quale la figura del detenuto riveste  sempre la massima centralità e  rilevanza. Grazie a questo particolare viaggio a ritroso nella memoria  si è potuto così avere un inedito spaccato diacronico della vita carceraria in Sardegna.

“Liberare”  queste carte, ingiallite dal tempo con dentro le lettere dei detenuti, censurate e mai arrivate ai   propri cari, liberare le  testimonianze e i documenti   piu rari ed  inediti, è stata senza dubbio un‘impresa gratificante sul piano culturale, ma soprattutto  molto coinvolgente  sul piano emotivo

Alla musica e alle parole di questo lavoro  il compito di condividere con tutti queste emozioni.

 

 

 

 

 

 

 

L'APPROCCIO

E’stato come prendere contatto con una umanità di confine ,dimenticata da tutti..I “reietti del reame” come ha lasciato scritto uno dei reclusi.I silenziosi protagonisti  di un passato che all’improvviso irrompe e diventa presente. Ho voluto visitare di persona i luoghi  dei reclusi e lì ,con i loro scritti ancora nella mente,mi è sembrato di riuscire a cogliere i segni di giornate monotone e interminabili ,  trascorse  in cellette anguste e disumane, insieme ai loro desideri ,alle loro speranze non sempre ben riposte.Forse per troppa suggestione,ho come avvertito le loro presenze, come che nell’aria,fluttuanti,ci fossero ancora i loro  pensieri .

 

IL MOMENTO CREATIVO

Così è nata l’esigenza  inderogabile ,quasi urgente,  di elaborare poeticamnte  questi scritti nascosti.Di cantarli.E in questo modo rendere loro giustizia. Liberarli dall’oblio ,farli conoscere.In sintesi ,così sono nate le  “STORIE LIBERATE”.  Per restituire alle  accorate lettere dei detenuti ,ai loro pensieri beceramente   censurati ,la libertà di volare sopra il mondo. Ma cosi è nata anche la voglia di conoscere meglio il mondo carcerario.Cosa è il carcere oggi.Com'è e come dovrebbe essere.

 

VIETATO SCRIVERE CANZONI

Carcere di Alghero 27 Giugno 1951.

Durante un'ordinaria perquisizione gli agenti trovano uno "scritto clandestino" al detenuto Gabriele Pes. Si tratta di una poesia. A sua discolpa il colpevole affermò  «non sapevo che a scrivere canzoni era mancanza. Chiedo perdono e prometto di non farlo più».A fianco il documento originale, con la trascrizione della dichiarazione del detenuto da parte del maresciallo